sabato 23 dicembre 2017

Lo strano caso del dottor Jekill e Mister Hyde, R. L. Stevenson



Probabilmente il più famoso romanzo di letteratura fantastica di tutti i tempi, pubblicato nel 1886, pochi libri nella storia contemporanea hanno avuto lo stesso successo, la stessa suggestione e la stessa capacità di entrare nell'immaginario collettivo e nel linguaggio comune come questo capolavoro di Stevenson. L'ambiguità dell'animo umano, il fascino del male e del lato oscuro che alberga in ognuno di noi, la trama che tiene col fiato sospeso dalla prima all'ultima pagina, sono tutti elementi racchiusi in quello che può essere definito un thriller ma anche un noir, un giallo ma anche un vero racconto del terrore. La doppia natura dell'uomo, che spesso finisce per tramutarsi in un conflitto dagli esiti imprevedibili, è qui raccontata in maniera magistrale. Anche l'epilogo si presta a molteplici interpretazioni, perché la decisione drastica di Jekyll apre interessanti spiragli sulla questione etica della fine prematura della vita per un fine superiore o anche semplicemente per evitare ulteriori sofferenze a sé e agli altri. Un tema assolutamente attuale per un'opera che ha generato, più di qualunque altra, rappresentazioni teatrali, artistiche, cinematografiche e televisive.

Un racconto ricco di significati, certo. Soggettivamente, mi ha annoiato.

***

Nota sull'Autore
Robert Louis Balfour Stevenson (Edimburgo, 13 novembre 1850 – Vailima, 3 dicembre 1894) è stato uno scrittore, drammaturgo e poeta scozzese.

Nessun commento:

Posta un commento