martedì 7 febbraio 2017

Introduzione alla psicoanalisi - Tutte le lezioni, Sigmund Freud


Editore: Newton Compton | Lingua: Italiano | Numero di pagine: 474 | Isbn-13: 9788854116818 | Traduttore: Irene Castiglia ; Curatore: Paolo Vinci , Roberto Finelli


Dalla viva voce di Freud ci viene offerta la più chiara e completa presentazione della psicoanalisi. Il volume raccoglie sia le lezioni effettivamente tenute all’Università di Vienna dal 1915 al 1917, sia il loro proseguimento, che lo stesso Freud scrisse e pubblicò nel 1932. Abbiamo così una sintesi indispensabile per accostarsi alla teoria psicoanalitica, arricchita e completata da quelli che il suo fondatore riteneva i suoi probabili sviluppi e progressi.


Premetto che non sono “studiata” in psicologia, a parte qualche scolastica memoria. Per un testo come questo una recensione può essere solo oggettiva, di conseguenza la mia vale poco. Diciamo che qui esprimerò il misero parere che, per quanto possibile, posso avere.
Dai tempi della scuola avevo già affrontato, appunto, Freud, indiscusso pioniere della psicanalisi (tanti lo definiscono “fondatore”, ma mi sembra eccessivo), con altri pochi eletti. Come al solito, è difficile slegare le opinioni e le concezioni oggettive di qualcuno dalla sua soggettività, che comprende naturalmente il vissuto, l’indole, e non meno i tempi in cui ha vissuto. Freud, per quanto grande pensatore, ha subito, come tutti i grandi e piccoli pensatori, l’influenza di tutto ciò, cosa a mio avviso impossibile da non notare in alcuni scritti – cito “L’interpretazione dei sogni”, che forse ho recensito su Omphalos, letta anni fa come compito scolastico o cosa del genere, che ricordo mi fece fare secche risate,  a metà insomma tra il nervosismo e… non so, la tamarrata, immagino. Ricordo di essermi ripromessa, per il futuro, di evitare Freud, ma poi non so come è arrivato questo volume. Mi sembra di ricordare che facesse parte di una full immersion di psicologia di cui feci scorta assieme a Jung e altri testi generici. Non scelsi “Introduzione alla psicanalisi” secondo un’idea precisa, ma semplicemente per il prezzo scontatissimo – e visto che il tomo era un po’ rovinato, riuscii praticamente a farmelo tirare dietro. Non si può non notare il divario tra “L’interpretazione dei sogni” e quest’opera, la quale a mio parere è almeno un gradino sopra la prima. Il linguaggio stesso mi è sembrato più complesso (tenete presente che comunque sono passati diversi anni da una lettura all’altra, e su tematiche abbastanza diverse, strutturate in modo diverso, perciò potrebbe essere una mia impressione, ditemi cosa ne pensate voi) – di certo non è un libro da tenere sul comodino. Forse anche l’impostazione lo rende migliore, essendo appunto trascrizioni di lezioni tenute da Freud. Nel complesso l’ho trovato molto più interessante della lettura precedente, cosa che non mi aspettavo, anche se immagino che idee e concezioni siano cambiate, dall’epoca e dal pensiero di Freud, l’ho considerato come un punto di partenza per ulteriori letture sull’argomento.
Sicuramente consigliato, seppure capisco comunque possa non essere di interesse a tutti.

****

L’AUTORE Sigismund Schlomo Freud, noto come Sigmund Freud, (Freiberg, 6 maggio 1856 – Londra, 23 settembre 1939) è stato un neurologo, psicoanalista e filosofo austriaco, fondatore della psicoanalisi, sicuramente la più famosa tra le correnti teoriche e pratiche della psicologia.
Freud è noto per aver elaborato una teoria scientifica e filosofica, secondo la quale i processi psichici inconsci esercitano influssi determinanti sul pensiero, sul comportamento umano e sulle interazioni tra individui. Di formazione medica, tentò di stabilire correlazioni tra la visione dell'inconscio, rappresentazione simbolica di processi reali, e delle sue componenti con le strutture fisiche della mente e del corpo umano, teorie che hanno trovato parziale conferma anche nella moderna neurologia e psichiatria.
Nella psicoanalisi l'impulso sessuale infantile e le sue relazioni con il rimosso sono alla base dei processi interpretativi. Molti dissensi dalle teorie di Freud, e quindi indirizzi di pensiero alternativi (Adler, Jung e altri) nascono dalla contestazione del ruolo, ritenuto eccessivo, riconosciuto da Freud alla sessualità.
In un primo momento si dedicò allo studio dell'ipnosi e dei suoi effetti nella cura di pazienti psichiatrici, influenzato dagli studi di Joseph Breuer sull'isteria, in particolare dal caso Anna O. (ossia Bertha Pappenheim, futura fondatrice dei movimenti di assistenza sociale e di emancipazione femminile), al quale s'interessò sulla base delle considerazioni di Charcot, che individuava nell'isteria un disturbo della psiche e non una simulazione, come ritenuto fino ad allora. Dalle difficoltà incontrate da Breuer nel caso, Freud costruì progressivamente alcuni principi basilari della psicoanalisi relativi alle relazioni medico-paziente: la resistenza e il transfert.
Di questo periodo furono le intuizioni che formano il nucleo della psicoanalisi: il metodo d'indagine mediante l'analisi di associazioni libere, lapsus (da cui il lapsus freudiano), atti involontari, atti mancati e l'interpretazione dei sogni, e concetti come la pulsione (Eros e Thanatos), il Complesso di Edipo, la libido, le fasi dello sviluppo psicosessuale e le componenti dell'inconscio e della coscienza: Es, Io, Super-Io, in sintesi: Es è il subconscio istintivo, primordiale, derivante dalla natura umana e spinto dalle pulsioni sessuali, Io rappresenta la parte emersa, cosciente (secondo Freud situato nella corteccia cerebrale), Super-Io una super-coscienza maturata dalla “civilizzazione” dell'uomo, il codice di comportamento (questa suddivisione richiama certe teorie neuroscientifiche come il Triune Brain).
Le idee e le teorie di Freud - viste con diffidenza negli ambienti della Vienna del XIX secolo - sono ancor'oggi dibattute, non solo in ambito medico-scientifico, ma anche accademico, letterario, filosofico e culturale. Molti hanno messo in discussione l'efficacia terapeutica della psicoanalisi. Di questo fatto, lo stesso Freud era probabilmente consapevole.

Nessun commento:

Posta un commento