venerdì 13 dicembre 2013

La vita dopo la morte, da Dante agli Egizi – Recensione, Witchy Books Challenge ©


Della stessa collana di un altro libro di cui ho parlato poco sopra, si tratta di una sorta di indice del modo in cui la vita dopo la morte è stata intesa negli scritti di ogni estrazione religiosa e culturale, più o meno ricollegandosi al filo conduttore costituito dalla Divina Commedia di Dante. Tra le opere e gli autori, oltre alle ovvie vecchio e nuovo testamento, Agostino, Maometto e, appunto, Dante, si accenna agli antichi testi Egizi, ai Veda, ai testi orfici, a Omero, Platone, Cicerone, Virgilio.
Sia chiaro che non è niente di che, ma escluse le (lunghe) parti relegati al monoteismo può risultare una lettura interessante.

Nessun commento:

Posta un commento